GdR della Serata: Ars Gladiatoria

Cos’è il GdR della serata?

     La d7 si propone di ampliare il più possibile la passione del gioco di ruolo, motivo per cui raccoglie e mette a disposizione dei soci tesserati una collezione di manuali dei più vari giochi.  Ma tu, sai cosa c’è in libreria?
Prima che la cosa sfugga di mano, abbiamo deciso di dare una degna presentazione a ciascuno dei nostri manuali! Ogni serata divulgativa, quelle dove invitiamo i master ad arbitrare le loro one shot a chiunque voglia provare i giochi di ruolo per la prima volta, presentiamo uno dei nostri manuali e, se interessa, lo mettiamo a disposizione dei nostri soci tesserati. Potrete così ammirare le splendide illustrazioni e leggiucchiare le regole, finché non fate orecchie alle pagine, dando il loro giusto valore a questi bei tomi.

Il GdR del 15 gennaio: Ars Gladiatoria

     Ars Gladiatoria è uno dei giochi di ruolo più recenti di Black Box Games, il team creativo noto ai nostri soci per giochi come Evolution Pulse, No Way Out e Omen. Questo GdR dà l’occasione per immergersi in un’ambientazione profondamente ispirata all’impero romano interpretando (indovinate?) dei gladiatori. Chi è divenuto schiavo per aver commesso un reato, chi per i tanti debiti… Ma tutti i giocatori si trovano imprigionati nell’Arena e per andarsene l’unica possibilità è diventare il Campione dell’Arena. Ma ce ne può essere solo uno… Tutti i gladiatori hanno qualche legame fuori dall’arena che li spinge ogni giorno a combattere per la libertà, la loro Speranza. Potrebbe essere la loro amata moglie, una vecchia promessa fatta al figlio o un fortissimo desiderio di vendetta, la Speranza è ciò che più di tutto darà la forza ai gladiatori.

WEB COVER ARS GLADIATORIA IL DUELLO_001.jpg

Sistema di Gioco

     Ed è proprio nell’Arena e dintorni che si sviluppano le scene di questo gioco, ma andiamo con ordine. Per ottenere il titolo di Campione dell’Arena bisogna combattere per ben quattro stagioni e ottenere più gloria possibile. Il Sistema di regole per il combattimento in arena è molto articolato: per ogni attacco si dovrà tirare una riserva di d6 calcolata in base alle proprie caratteristiche e così dovrà fare il giocatore in difesa per determinare l’esisto dello scambio. Qualora l’attaccante dovesse avere successo ottenendo più “successi” (tiri dal 3 in su) dei successi del difensore (che li ottiene facendo da 4 in su) potrà decidere, oltre quali manovre usare contro il suo avversario (come disarmare, buttare a terra, ecc.), se infliggergli ingenti ferite o colpirlo in maniera spettacolare ma non letale per ottenere gloria. Ebbene si, perché l’interesse primario dei gladiatori è proprio la Gloria! Trovare il giusto equilibrio tra quest’ultima e ferire gli avversari è solo uno degli aspetti su cui ogni giocatore dovrà elaborare la strategia di combattimento. Ci sono ovviamente altri modi per ottenere gloria, come rimanere l’ultimo gladiatore in piedi nell’arena, o compiere certe azioni fuori dall’arena. I gladiatori infatti non vivono di solo combattimento. Dopo lo scontro in arena a turno ogni giocatore avrà la possibilità di inquadrare una o più scene. Queste possono essere dedicate all’allenamento, al curarsi dalle gravi ferite subite in arena o all’incontro con altri personaggi come altri gladiatori o il
proprio Mentore (colui che allena il gladiatore e gli insegna le tecniche più letali) o il proprio Patrono (colui che finanzia il gladiatore e le sue cure) che verranno interpretati da altri giocatori. A differenza degli scontri, fuori dall’arena il sistema di regole è molto più semplice e punta tutto sulla narrazione e la creazione in maniera condivisa della trama.

      Non essendoci un master infatti ogni giocatore a turno avrà l’occasione di creare nuovi risvolti nella storia e influenzare le sorti dei propri avversari. Queste due anime, l’una estremamente simulazionistica, l’altra profondamente interpretativa, rendono Ars Gladiatoria un gioco di ruolo originale e giocabile con gli amici in due-tre sessioni (il tempo di giocare quattro stagioni dell’arena) o in una sola sessione (giocando solo tre stagioni e con un Mentore e un Patrono unico per tutti i gladiatori). E’ interessante notare che è possibile giocare lo solo scontro in arena rendendo Ars Gladiatoria a tutti gli effetti un gioco da tavolo (il manuale stesso offre gladiatori pre-renderizzati per questa modalità di gioco). E qui il gioco è sicuramente tra i più duri.

A presto!

Giannicola Cuboni

cover_ars_def_a4_web

Annunci