GdR della serata: Urban Heroes

Cos’è il GdR della serata?

La d7 si propone di ampliare il più possibile la passione del gioco di ruolo, motivo per cui raccoglie e mette a disposizione dei soci tesserati una collezione di manuali dei più vari giochi.  Ma tu, sai cosa c’è in libreria?
Prima che la cosa sfugga di mano, abbiamo deciso di dare una degna presentazione a ciascuno dei nostri manuali! Ogni serata divulgativa, quelle dove invitiamo i master ad arbitrare le loro one shot a chiunque voglia provare i giochi di ruolo per la prima volta, presentiamo uno dei nostri manuali e, se interessa, lo mettiamo a disposizione dei nostri soci tesserati. Potrete così ammirare le splendide illustrazioni e leggiucchiare le regole, finché non fate orecchie alle pagine, dando il loro giusto valore a questi bei tomi.

Il GdR del 26 novembre: Urban Heroes

Progetto tutto italiano approdato e finanziato con successo su Kickstarter nel 2014, Urban Heroes (scritto da Alessandro Rivaroli) è, come si intuisce dal titolo, un GdR che si pone come obiettivo la creazione di “eroi di strada” (sulla falsa riga di Watchmen, Kick-Ass ma anche delle più recenti serie Marvel).

L’ambientazione di Terra-Z, che fa da scenario alle avventure, è identica a quella della nostra Terra, ma diverge a partire da un evento drammatico: l’esplosione del Grande Collisore di adroni (LHC), al Cern in Svizzera, alla sua inaugurazione nel 2008. A seguito di questa devastazione, a causa delle particelle Z sprigionatesi, il mondo ha visto l’insorgere degli H.E.R.O. (Humans Exposed to Radioactive Outbreaks), umani dalle grandi capacità, ma proprio per questo temuti da una larga parte della popolazione. Alcune nazioni si sono dotate di gruppi di superumani “allineati”, e nel contempo di simboli e temibili armi pronte a essere schierate in qualsiasi momento. Altri H.E.R.O. sono impazziti, divenendo nemesi del genere umano… o semplici criminali con capacità straordinarie. Su tutto pende la minaccia di un mostro sconfitto ma solo temporaneamente sopito…

 

Sistema di Gioco

Il sistema di gioco si basa sui classici dadi poliedrici: si tira un singolo dado (o una coppia di dadi in caso di tiro di caratteristica + abilità) contro un valore di difficoltà. La particolarità sta nel fatto che all’aumentare delle caratteristiche (qui chiamate statistiche) o delle competenze in una abilità, non si sommano dei modificatori, ma si “aumenta la taglia del dado”, passando dal d6, valore standard, al d8, d10 fino ad arrivare persino al d20 al massimo avanzamento.

I poteri accessibili ai personaggi sono determinati in prima battuta dall’origine delle loro capacità (derivate da oggetti, divine, genetiche e via dicendo): in base al potere primario scelto, si potrà svilupparne un secondario ed eventualmente un terziario, pescando da una lista di compatibilità. Ogni potere ha dei contraccolpi sull’utilizzatore, che possono essere mitigati con l’avanzamento del personaggio, e l’uso è fonte di grande fatica per l’eroe di turno. D’altronde il motto del gioco è: portare una maschera non è mai stato così pericoloso!

Nelle quasi 300 pagine di manuale sono spiegati inoltre gli eventi (positivi e traumatici) che in fase di creazione possono essere capitati al nostro PG (e che ne caratterizzeranno lo sviluppo), gli effetti delle malattie (fisiche e psichiche), le mutazioni, le droghe e le varie classi di armi.

Mike Dedwan

urban-obama

Annunci